134 utenti


Libri.itLA PESTE SCARLATTABELLA BAMBINA DAI CAPELLI TURCHINILILLI E MOSTROPUPAZZOLO 2COSÌ È LA MORTE?CHI HA RUBATO LE UOVA DI MIMOSA?
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!












Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

21 Marzo 2023 11:19

L'orrore che avanza e ciascuno di noi

104 visualizzazioni - 0 commenti

di Riccardo Orioles


Il 26 febbraio 2023 un'imbarcazione con molte persone abordo si è spezzata in due a pochi metri dal nostro litorale, in Italia. Le autorità, avvertite, non avevano attivato soccorsi. Ottanta sopravvissuti, forse cento morti. Tra le vittime anche molti bambini. La strage per omissione di soccorso era "prevedibile ed evitabile".
* * *
Questa data resta inchiodata nella nostra storia, segna un prima e un dopo, come in quella tedesca il 9 novembre 1938, la "notte dei cristalli" in cui lo stato, fino a poco prima una civile repubblica, scatenò la caccia aagli ebrei. Colpa di tutto il popolo? No: In Italia solo un quarto della popolazione ha votato per i governi più o meno razzisti che si sono succeduti. Sei milioni di italiani, vecchi e giovani, uomini e donne, sono impegnati in una qualche forma di solidarietà. Ma la data alla fine è arrivata, non si può più rimuovere. O la tolleri o la combatti.
* * *

Non servono molte parole. Siamo in tanti, dobbiamo semplicemente alzarci in piedi, essere forti insieme.  Noi dei Siciliani, che non siamo un partito ma una libera rete di amicizie e azioni, chiediamo a te che ci leggi (a te proprio, non a una massa indefinita) di fare quel poco o tanto che puoi, con noi o con altri, per fermare l'orrore. Non tocca a nessun altro, tocca a te

COMMENTA