127 utenti


Libri.itLA GALLINAICOSACHI E CAPPUCCETTO GIALLO CON LE STRISCE CATARIFRANGENTIIL LUPO IN MUTANDA 7 – SE LA SVIGNAMARINAESSERE MADRE
Emergency

Fai un link ad Arcoiris Tv

Fai un link ad Arcoiris Tv

Utilizza uno dei nostri banner!












Lettere ad Arcoiris

inviaci le tue opinioni, riflessioni, segnalazioni

Per inviare un lettera ad ArcoirisTV, riempi i campi sottostanti e clicca su "Invia". Se è la prima volta che scrivi, riceverai una email con un link ad una pagina che dovrai visitare per far sì che le tue lettere vengano sempre pubblicate automaticamente.

Informativa privacy

L’invio della "Lettera ad Arcoiris" richiede l’inserimento del valido indirizzo email del utente. Questo indirizzo viene conservato da ArcoirisTV, non viene reso pubblico, non viene usato per altri scopi e non viene comunicato ai terzi senza il preventivo consenso del utente.

maggiori info: Privacy policy

10 Giugno 2024 10:47

Il partito di maggioranza

14 visualizzazioni - 0 commenti

di Tonio Dell'Olio

Il partito di maggioranza rafforza il proprio consenso registrando il suo massimo storico ma non si tratta di Fratelli d'Italia quanto del "partito dell'astensione", ovvero della forza del non voto, ossia dello "scegli tu per me", oppure del "non me ne frega niente". Sbrigativamente si dice che sia il sintomo della sfiducia dei cittadini nei confronti della politica ma si corre il rischio di adottare una formula che non consenta di fare i conti fino in fondo con il dato definitivo del 49,69 per cento. Praticamente un elettore su due non ha votato e al di là dei gridi di vittoria o dei lamenti di sconfitta di ciascuna forza politica, questa debacle serissima e severa appartiene e riguarda tutti, anche se finora non mi pare di averla ascoltata nei commenti dei leader. Se alle europee si reca alle urne meno del 6,5 per cento degli elettori rispetto all'ultima volta e meno 5 per cento votano per le comunali, meno dell'8 per cento alle regionali in Piemonte, siamo di fronte a un'epidemia e non semplicemente a un sintomo. E siccome la democrazia si fonda sulla partecipazione, dobbiamo dire che la democrazia è in coma perché coloro che risulteranno eletti, di fatto rappresentano la metà degli elettori. Bisogna correre ai ripari, bisogna fare qualcosa, è urgente curare il male. Chissà che non possa essere questo il progetto di unità nazionale che veda una collaborazione al di là degli schieramenti e colga un obiettivo comune che fa bene alla crescita di tutte e tutti!

COMMENTA